Axel de Fersen: Biografia

Breve biografia di Axel de Fersen

Nato a Stoccolma il 4 settembre 1755, morto il 20 giugno 1810, Axel de Fersen proviene da una grande famiglia nobile svedese di origine scozzese.

Suo padre, il feld-maréchal Frédéric de Fersen, ha servito tredici anni in francia come comandante del reggimento reale svedese.

Axel de Fersen termina i suoi studi in Europa per perfezionare la sua educazione. Ufficiale dei dragoni della guardia svedese.
È presentato a corte il 1 settembre 1774 a Versailles al re Luigi XV. É in questa occasione che incontra Maria Antonietta la quale è ancora la delfina, e di cui si "innamora".

Bel ragazzo, secondo i canoni dell'epoca, tutte le donne si innamorano facilmente di lui. Avrà numerose avventure e passerà gran parte del suo tempo a fare delle feste.

Dopo un soggiorno in Svezia, ritorna in Francia nell’agosto del 1778. Grazie a Maria Antonietta è nominato colonnello nel reggimento reale de “Deux-Points”. In marzo del 1780, con l’appoggio del barone Breteuil e del conte Vergennes diventa aiuto di campo del conte Rochambeau.
Lo stesso anno parte per l’America che è in piena guerra d’indipendenza. Vi soggiorna circa tre anni.

Al suo ritorno in giugno 1783, sempre appoggiato da Maria Antonietta, diventa comandante di reggimento Reale-Svedese.
Considera per un attimo di sposare Germaine Necker (futura madame de Staël), ma alla fine decide di restare libero per la regina che ama veramente. Dall’ottobre 1789, Alex de Fersen cerca di aiutare al meglio Maria Antonietta. Istigatore per la fuga di Varennes,conduce lui stesso la carrozza fuori Parigi fino alla prima tappa.

Entra in contatto con Leopoldo II fratello di Maria Antonietta e con Gustavo III di Svezia per convincerli a dichiarare guerra alla Francia.
Il progetto fu mancato di poco, ma nel 1792, Gustavo III che si apprestava a lottare contro la rivoluzione Francese, è assassinato.

Non potendo salvare la regina, Fersen rientra in Svezia alla corte di Carlo XIII dove sarà successivamente ambasciatore al congreso di Rastatt, feld-maréchal, cancelliere dell'università di Upsala.
Il principe ereditario Christian-Auguste duc d'Augustenborg muore, voci non fondate corrono che Axel de Fersen l’avrebbe avvelenato.
Il 20 giugno (anniversario della fuga di Varennes) giorno delle ossequie del duca, la folla si accanisce brutalmente contro Fersen e lo lapida.

Corrispondenza perduta.
Maria Antonietta e Axel de Fersen si scambiarono numerose lettere che sfortunatamente sono andate perdute e volontariamente distrutte. Fesen ha anche corrisposto numerose volte con la sorella Sophie, queste lettere, conservate e pubblicate nel 1930 sotto il nome di Corrispondenza, testimoniano la passione che il conte aveva per la regina.




http://www.madamedepompadour.com/_m_antonietta_fersen